Un gruppo di ciclisti durante una pedalata tra i prati verdi della Val Casies in estate Scalatore durante un'escursione in Val Casies con zaino, casco e corda di sicurezza Gruppo di quattro escursionisti sui verdi prati di Plan de Corones con le Dolomiti sullo sfondo

Val Casies: escursioni estive alla scoperta del fascino della montagna

Immergetevi nella vita di montagna e ne rimarrete positivamente impressionati! Il nostro hotel è il punto di partenza ideale per le vostre escursioni estive in Val di Casies.

Adagiata tra le alte creste alpine a nord e le Dolomiti a sud, la Val Casies quasi “si nasconde” all’interno della Val Pusteria e per questo è una perla ancora non scoperta nel cuore delle Alpi. Il paesaggio naturale incontaminato, i dinamici corsi d'acqua e il paesaggio curato dai contadini della valle, creano un'immagine che attrae fin dall'arrivo chi decide di trascorrere le sue vacanze in Alto Adige.

L’estate in montagna in Val Casies significa:

  • Lunghi percorsi per passeggiate, escursioni o gite in bicicletta sotto il caldo sole che bacia la Val Casies;
  • Temperature fresche e buona aria di montagna da respirare;
  • Tanti freschi prodotti coltivati dai contadini locali da gustare;
  • Feste paesane e manifestazioni musicali a cui partecipare nelle diverse località;
  • E tanti angoli di pace dove rilassarsi davvero.

Hotel Gschwendt – il punto di partenza per le vostre escursioni estive

"Il senso del viaggio sta nel raggiungere una destinazione, il senso del camminare sta nello stare in giro".
(Theodor Heuss, †1963)

Partite subito alla scoperta delle numerose malghe della Val Casies.

Sparsi sui pendii della valle, dove il bestiame trascorre momenti di riposo, si trovano i masi di Casies. La salita alle malghe si dipana su ampi sentieri e strade forestali e non è molto faticosa, per questo è adatta a tutti. Essa inoltre parte direttamente dal nostro hotel in Val Casies.

Se poi dalle malghe ci si mette in cammino lungo le salite che diventano più impegnative si arriva nel cuore del gruppo delle Vedrette di Ries. Le numerose escursioni segnalate con lucenti pietre di granito grigio-blu sono famose tra gli escursionisti provenienti da ogni dove.

In pochi minuti in auto dalla valle, si torna di nuovo nel cuore delle Dolomiti. Gli improvvisi cambi tra i lievemente ondulati alpeggi, le ripide rocce in pietra calcarea ad essi appoggiati e le Dolomiti creano un’immagine unica. Tutti gli anni, in estate e in inverno si rimane ammaliati dalla loro bellezza e dal loro svettare sublimi sulle teste degli escursionisti.

Alla reception sono disponibili materiale informativo e cartine dettagliate per organizzare le diverse escursioni. Inoltre saremo lieti di consigliarvi personalmente su ciò che potrete fare e vedere nei dintorni. Chi vuole trascorrere una vacanza senza macchina, qui potrà farlo in piena libertà poiché alcune escursioni conducono direttamente al nostro hotel in Val Casies.

La Val Casies, il paradiso delle escursioni, vi aspetta!

In bicicletta lungo i fiumi Rienza e il Drava, nelle splendide Dolomiti

Partite verso un'avventurosa gita in bicicletta in Val Pusteria, circondati da montagne mozzafiato e accompagnati da un clima piacevole, ideale per lunghe escursioni in mountain bike.

Una rete di percorsi ciclabili di oltre 60 km, rinnovata e per lunghi tratti asfaltata, assieme alla potenziata rete di treni, utile in qualsiasi momento per il ritorno, sono le condizioni ideali per magnifiche giornate all'aria aperta.

Inoltre i numerosi e ben organizzati noleggio bici della valle mettono a disposizione ogni tipo di bicicletta, pronta per accompagnarvi nelle vostre esplorazioni. Vi è anche la possibilità di acquistare un biglietto integrato treno e noleggio bici: con la Bike-Mobilcard potrete lasciare la vostra auto nel parcheggio.

Oltre alle numerose piste ciclabili, tanti sono i sentieri per MTB, per far battere forte il cuore degli appassionati. I numerosi ciclisti che partecipano alle diverse competizioni organizzate in Val Pusteria sono sempre più convinti che questo sia un vero paradiso per le due ruote.

Per tutti i ciclisti mettiamo a disposizione, presso il nostro hotel in Val Casies, un luogo sicuro per il deposito dell'attrezzatura sportiva, attrezzi per riparazioni e l'allacciamento all'acqua per la pulizia delle ruote. Inoltre, su richiesta, prepariamo anche pranzi al sacco e siamo a disposizione per consigli personali su possibili escursioni e gite.

... Per i ciclisti e gli appassionati di mountain bike non ci sono più ostacoli nell'area del Plan de Corones!

Il nostro consiglio: una gita in bicicletta da San Candido a Lienz (A)

Lunghezza: 45 km
Dislivello: 45 m ↑ e 490 metri ↓
Durata effettiva della pedalata: 2h 15min
La pista ciclabile asfaltata si snoda lungo il Drava fino a Lienz, nel Tirolo Orientale. Lungo il percorso, e poi a Lienz, tante solo le cose interessanti da scoprire: il castello di Bruck, il centro storico di Lienz, la piscina comunale di Lienz e molto altro ancora.
Il ritorno può essere fatto ancora in bici o comodamente con il treno

L’alpinismo nella zona del Plan de Corones

Il nostro hotel in Val Casies è l’ideale punto di partenza per quanti di voi desiderano praticare l’alpinismo nel Plan de Corones. Qui panorami mozzafiato sapranno regalarvi una piacevole sensazione, la stessa che annualmente sa entusiasmare gli amanti della natura. Dall’inizio della primavera fino ad autunno inoltrato, gli appassionati di alpinismo troveranno un’infinità di destinazioni dove praticare il loro amato sport. Basti pensare alle cascate d’acqua che durante l’inverno si trasformano in cascate di ghiaccio, o alle numerose palestre di roccia naturale. Arrampicate, vie ferrate, sentieri di vario livello sapranno condurvi direttamente verso la meta, là dove vi attende un panorama mozzafiato.

Dalla Val Casies verso l’intero Alto Adige: le cose da vedere

Il nostro hotel in Val Casies è la vostra base di partenza per scoprire ed esplorare i tesori culturali della Val Casies, della Val Pusteria e di tutto l’Alto Adige. Vi consigliamo una serie di luoghi e punti di interesse da visitare durante le vostre vacanze.

Cosa vedere in Val Casies:

Museo contadino Voadohuibn

Per conoscere meglio l’antico stile di vita dei contadini che abitavano un tempo i masi di montagna. Qui potrete ammirare attrezzi e oggetti di lavoro rinvenuti nell’intero territorio.

Castel Monguelfo

Situato su di un colle, all’ingresso della Val Casies, questo castello fu edificato nel dodicesimo secolo per volere dei conti di Monguelfo. Successivamente il castello fu distrutto da un incendio; ben presto fu però restaurato per riprendere l’originario valore di centro culturale.

Cosa vedere in Val Pusteria:

Rovine d’interesse storico nei villaggi e nelle piccole città, cappelle, chiese e santuari, ma anche tanti borghi e castelli testimoniano la vita in Val Pusteria fin dai tempi antichi, quando conti, proprietari terrieri e monaci tessevano le sorti della valle.

Oggi alcuni di questi edifici ospitano mostre e musei, per lo più collegati alla storia e alla vita in Val Pusteria, arricchendo la valle e permettendo al visitatore di conoscere le popolazioni di montagna provenienti da lontano, i monti, la storia e gli artisti.

Per raggiungere facilmente e in tutta comodità i musei del territorio altoatesino vi consigliamo l’acquisto della Museumobile Card, un biglietto integrato per i mezzi di trasporto pubblico e i 78 musei presenti in Alto Adige

Un'esperienza incantevole per le orecchie può essere vissuta in una delle tante sale per concerto della valle: da orchestre di musica classica, passando per complessi di musica popolare o fiati, per arrivare ai grandi del rock famosi in tutto il mondo. I veri momenti di eccellenza musicale sono i festival: le settimane musicali Gustav Mahler, Alta Pusteria Festival di Canto Corale e l' Alto Adige Jazz Festival.

Museo provinciale degli usi e costumi di Teodone

Uno dei musei all’aperto più belli d’Europa che occupa una superficie di 4 ettari e comprende anche la villa Mair am Hof. Il museo è nato nel 1976 con l’intento di offrire una panoramica sull’arte popolare locale. Nell’intero parco museale sono inoltre visibili case contadine di un tempo e costruzioni ad uso artigianale.

La Collegiata di San Candido

Complesso fondato nel 769 sui resti di un monastero benedettino. Di straordinario valore storico-artistico la struttura lignea del 200 conservata all’interno della cripta, rappresentante San Corbiniano (o San Candido secondo altre fonti). Immediatamente accanto alla Collegiata si trova l’antico Granaio del Capitolo, sede dell’attuale Museo della Collegiata.

Brunico

Situata lungo il fiume Rienza, la città di Brunico appartiene al comprensorio del Plan de Corones, parte integrante della Val Pusteria. Il museo civico, il castello e numerose chiese sono solo alcune delle cose da vedere in questa graziosa località dell’Alto Adige. L’ultimo museo aperto in Val Pusteria è il Ripa presso il Castello di Brunico. Reinhold Messner, uno scalatore di vette estreme, spiega come vivono le popolazioni di montagna di tutto il mondo.

Cosa vedere in Alto Adige:

Bressanone

Situata in Valle Isarco, alla confluenza fra il fiume Rienza e Isarco, Bressanone offre numerose attrazioni culturali tra cui il Palazzo Vescovile con le sue bellissime logge rinascimentali; il Giardino dei Signori che durante la bella stagione mette in mostra fiori colorati di ogni specie; la colonna marmorea sul lato della Piazza del Duomo, edificata in occasione dei mille anni della città; la Cattedrale di Bressanone con le sue preziose decorazioni barocche; e tanto altro ancora.

Il Monastero di Sabiona a Chiusa

Uno dei più antichi luoghi di pellegrinaggio del Tirolo, edificato su di una collina sovrastante la città di Chiusa, in Valle Isarco. Il monastero ospita le monache benedettine sin dal 1687. Antiche fonti testimoniano che è proprio grazie a questo monastero che si diffuse la fede cristiana in Alto Adige.

Castello e giardini Trauttmansdorff

Ha sede proprio qui il Turiseum, le cui 20 sale ci permettono di conoscere la storia del turismo in Alto Adige. Residenza tanto amata dalla principessa Sissi, Castel Trauttmansdorff fu edificato in epoca medioevale. Immediatamente accanto si trovano i giardini del castello, dove sono custoditi 80 ambienti botanici diversificati che racchiudono piante di ogni specie.